Archivio

I progetti realizzati nel corso del tempo dall'Area innovazione.

Leva Civica

La crisi che il Trentino, come l'intero Paese, sta affrontando, non riguarda solo l'economia ma anche la partecipazione dei cittadini alla vita della comunità. Ma la crisi, si sa, se vissuta insieme può diventare anche un'occasione per ridurre l’abitudine di ognuno di noi alla delega alle Istituzioni; può essere di stimolo per tutti a darsi da fare, a rimboccarsi le maniche e a dare un contributo per il benessere della comunità.

Liber/Open Office

Lo Sportello Liber/Open Office risponde a quesiti telefonici, formula risposte a quesiti scritti, redige circolari informative a supporto degli enti soci che stiano considerando l'adozione di software open-source nell'ambito degli strumenti utilizzati per il quotidiano lavoro di ufficio (office automation), e più in generale vuole costituire un luogo di confronto su progetti di informatizzazione.

Il progetto è nato da un convegno su Openoffice organizzato dal Consorzio dei Comuni e tenutosi il 1 dicembre 2010

Nel campo dell'office automation sono disponibili competenze sui prodotti LibreOffice e Apache OpenOffice.

PM10

Il progetto sulle polveri sottili, in breve PM10, è finalizzato alla realizzazione di una campagna di sensibilizzazione sul tema dell'inquinamento atmosferico derivante dalle polveri sottili destinata a livello territoriale sia ai cittadini che alla Pubblica Amministrazione della provincia di Trento nel periodo di attivazione del Piano antismog.
Le campagne di sensibilizzazione che si sono svolte negli inverni dal 2010 al 2013 sono state realizzate di concerto dalla Provincia autonoma di Trento e dal Consiglio delle autonomie locali, con il concorso dei principali Comuni del Trentino.

Premio Eco and the City

Il Premio Eco and the City Giovanni Spadolini, promosso dalla Fondazione Spadolini Nuova Antologia, è l'oscar delle best practices della tutela del territorio e del paesaggio e della salvaguardia dei Beni Culturali e Ambientali. L'edizione 2012 è stata organizzata dalla Provincia Autonoma di Trento e dal Consorzio dei Comuni Trentini in sinergia con la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, partner dell'edizione.

Renov@tio

Il progetto Renov@tio si occupa di innovazione sociale e cittadinanza attiva attraverso un’indagine partecipata che permette di rilevare esigenze e idee risolutive da parte di chi già si serve, o si vorrebbe servire nel prossimo futuro, di specifici servizi Ict prodotti dagli Enti locali. L’iniziativa, infatti, punta alla produzione di servizi on-line a misura di categorie economiche, imprenditori, mondo associativo e cittadini.

Smart territory

Il progetto nasce dalla collaborazione tra il Consorzio dei Comuni Trentini e TrentoRISE e mira alla creazione di un territorio in grado di coniugare lo sviluppo sostenibile alla crescita economica e sociale utilizzando l'innovazione e la tecnologia come strumenti abilitanti per il processo di trasformazione.

Il contesto di collaborazione è definito nella convenzione sottoscritta il 5 aprile 2011 tra Consorzio dei Comuni Trentini e TrentoRISE nella quale i due soggetti si riconoscono nella visione di "Trentino as a smart Territory", di un territorio quale straordinario mix di bellezze naturali ed avanzate infrastrutture di sistema su cui viaggiano applicazioni software e servizi fruibili in qualunque luogo e momento da cittadini e turisti su computer o dispositivi mobili.

Universiade 2013 a emissioni zero

L’Universiade Invernale 2013 si è svolta in Trentino dall’11 al 21 dicembre 2013. Si è trattato di un progetto per ribadire e comunicare la scelta di un territorio trentino fortemente impegnato verso la sostenibilità ambientale e per una gestione responsabile delle risorse montane e forestali, attuata nelle forme che consentano di mantenerne la biodiversità, la produttività, la capacità di rinnovazione, la vitalità e la potenzialità di adempiere a rilevanti funzioni ecologiche, economiche e sociali in sintonia con altri eco-sistemi.
La ventiseiesima Universiade invernale è stata definita ad “emissioni zero” in virtù di un progetto dell’Università di Trento che si è posto come obiettivo l’organizzazione, lo svolgimento e la dismissione dell’evento sportivo senza incrementare il livello globale delle emissioni dei gas serra.

Martedì, 07 Aprile 2015 - Ultima modifica: Venerdì, 17 Luglio 2015