Partecipazione civica

Coinvolgere i cittadini in consultazioni pubbliche e attivare percorsi di partecipazione grazie agli strumenti digitali. Si può fare grazie agli strumenti ideati e messi a disposizione dall’area Innovazione, che sono integrati nella piattaforma ComunWeb: i più diffusi sono DIMMI 2.0 e SENSORCIVICO, che consentono alle Pubbliche Amministrazioni di instaurare una relazione bidirezionale con i cittadini. Questi ultimi vengono coinvolti nella valutazione di servizi e progetti, nella segnalazione di criticità e malfunzionamenti, nella manifestazione di esigenze e bisogni e persino nella formulazione di proposte per soddisfarli. Inoltre, questi strumenti coinvolgono maggiormente il personale dell’Ente nei processi di miglioramento dell’organizzazione interna.

Comuni e Comunità di Valle in ascolto dei cittadini, affinché siano protagonisti della realtà in cui vivono.

Accade grazie a ComunWeb , che consente agli Enti pubblici di raccogliere da diversi canali digitali (persino da WhatsApp) i suggerimenti, le opinioni e le segnalazioni sulla vita del territorio nei suoi diversi ambiti, monitorando i flussi di comunicazione attraverso un pannello di controllo dedicato agli amministratori. I media civici permettono a sindaci, presidenti di Comunità e assessori di avviare discussioni attraverso il sito web istituzionale dell’Ente e coinvolgere direttamente i cittadini nella valutazione delle proprie proposte. Le tematiche vengono lanciate di volta in volta dagli amministratori, che possono monitorare l’evolversi della situazione in tempo reale.  

Il “kit per la partecipazione” proposto dal Consorzio consente di realizzare attraverso il web:

  •  discussioni pubbliche online per valutare le decisioni dell'Ente insieme ai cittadini;
  •  storytelling per condividere (ad esempio in forma di intervista) esperienze e testimonianze degli amministratori in forma collaborativa;
  •  raccogliere le segnalazioni  inviate dal cittadino, in merito a problematiche specifiche che egli rileva vivendo il territorio;
  • indagini per raccogliere opinioni puntuali sulle abitudini dei cittadini o sul grado di soddisfazione relativo ai servizi dell'Ente. Qualora la richiesta sia riconducibile ad un processo che prevede della modulistica, il cittadino potrà compilarla ed inoltrarla via web;
  • uno spazio collaborativo, per facilitare gli scambi e favorire il confronto tra persone all'interno dell'Ente e tra enti diversi.

Oltre agli strumenti tecnologici, elaborati in stretta collaborazione con gli enti locali, il “kit per la partecipazione” prevede anche l'adozione di una metodologia, che tiene conto di:

  • una strategia di comunicazione efficace, che si avvale di numerosi strumenti tecnologici di supporto
  • la capacità di raggiungere in maniera capillare la popolazione locale, attraverso la community di amministratori locali ed i canali digitali ufficiali degli Enti locali.

Questi strumenti rappresentano una possibilità concreta ed innovativa per sviluppare la partecipazione attiva ed il senso civico espresso dal basso: elementi che non solo favoriscono l’accettazione delle scelte pubbliche ma fanno diventare l’amministrazione più aperta ed affidabile agli occhi del cittadino, detentore della sovranità in un regime democratico. Il rafforzamento delle relazioni amministrazione/cittadini accresce la legittimità del governo, infondendo un senso di fiducia nei confronti dei poteri pubblici e migliorando la qualità delle politiche amministrative attraverso processi partecipativi.

Ultimi documenti

Paolo Boschini: i Media Civici sono una realtà matura e apprezzata

25 Giugno 2014

Il presidente di Informatica Trentina, Paolo Boschini, ha descritto l’attuale fase della piattaforma Media Civici, che garantirà alla cittadinanza un riscontro delle istanze espresse e alle istituzioni la valutazione degli esiti della collaborazione. ComunWEB integrerà questa piattaforma per lanciare nuovi servizi entro il 2014.

LEGGI

Luca De Biase: i Media Civici oggi, per diffondere incontro e convivenza

25 Giugno 2014

Luca De Biase, presidente della Fondazione <ahref, spiega che è ora utile creare luoghi (i media civici, per l’appunto) in cui si scambino informazioni le persone che hanno interessi da condividere e decisioni da prendere insieme, seguendo regole e metodi di convivenza civile.

LEGGI

Walter Merler: la nuova fase di ComunWEB deve essere partecipata

25 Giugno 2014

ComunWEB rappresenta una realtà che coinvolge finora 106 Comuni e 13 Comunità di valle, ha ricordato Walter Merler, responsabile dell’Area Innovazione del Consorzio dei Comuni Trentini, in occasione del convegno Parteci.Pa – Nuove opportunità e nuovi strumenti per il dialogo tra PA e cittadini.

LEGGI

Anna Masera: la cultura digitale può avvicinare le istituzioni ai cittadini

25 Giugno 2014

La responsabile della Comunicazione alla Camera dei Deputati, Anna Masera: «È importantissimo che le amministrazioni si aprano alla comunicazione digitale e social, soprattutto tramite le nuove piattaforme collaborative e partecipative».

LEGGI

Leda Guidi: Agenda Digitale, Rete Civica Iperbole e Media Civici

25 Giugno 2014

A Bologna si lavora su molti fronti per diffondere l’innovazione: la responsabile dell’Agenda Digitale per il Comune di Bologna, Leda Guidi, descrive il percorso partecipativo che abilita i cittadini all’interazione con le pubbliche amministrazioni.

LEGGI

Alessandro Zorer: servono semplificazione, collaborazione e coraggio

25 Giugno 2014

ComunWEB valorizza le competenze sul territorio, calandole nella realtà trentine che necessitano di dialogo, dice Alessandro Zorer, presidente di Trentino Network.: ci vuole coraggio nell’andare oltre la tentazione di chiudersi e capire che gli strumenti ICT aiutano le istituzioni nel contattare e informare i cittadini delle proprie attività.

LEGGI

Progetto Media Civico a Trento

13 Giugno 2014

Leggi il comunicato stampa del Consiglio regionale del Piemonte
LEGGI

Progetto Media Civico a Trento

13 Giugno 2014

LEGGI

Internet e media civici i cittadini trentini sono «oltre»: in Trentino l'80 percento è online mentre in Italia si ha una media del 55 percento

13 Giugno 2014

LEGGI