Smart Territory

Nuovi servizi alle comunità per cittadini e imprese attraverso la nuova “rete intelligente” legata all’illuminazione pubblica.

Stiamo per attraversare la strada sulle strisce pedonali e subito l’illuminazione aumenta per renderci meglio visibili, entriamo in macchina in un parcheggio e le luci si accedono al nostro passaggio, abbiamo necessità di accostare per un’emergenza ed un pulsante SOS sul palo luce ci mette in contatto con la centrale per il soccorso stradale…

Il reperibile di un’Amministrazione locale è immediatamente attivato dalla sensoristica per interventi di sicurezza stradale e pubblica: strada ghiacciata, smottamento del terreno, allagamenti, ecc.; la centrale operativa viene allertata dai sistemi connessi alle telecamere, anche termiche, a fronte di tentativi di intrusione in edifici pubblici o di interesse pubblico …

L’Amministrazione locale rileva dati e informazioni in tempo reale circa i livelli di qualità dell’aria e ordina interventi di blocco del traffico attraverso pannelli informativi che vengono attivati in automatico a fronte degli eventuali sforamenti…

Questi sono solo alcuni dei servizi resi possibili dalla realizzazione di una nuova “rete intelligente” che può essere realizzata “semplicemente” cambiando le lampade/i corpi illuminanti dei lampioni oggi presenti sul territorio provinciale; ovvero dotando le stesse dei sensori previsti, al netto, evidentemente, del grande valore che di per sé l’iniziativa porta dal punto di vista dell’efficientamento energetico e dunque del risparmio economico per le casse della PA locale.

In tale contesto, Provincia autonoma di Trento e Consorzio dei Comuni trentini, in collaborazione con Informatica Trentina S.p.A. e Trentino Network (che dal 1° luglio costituiranno Trentino Digitale), hanno condiviso di avviare un progetto di sistema, denominato “Territorio Intelligente / Smart Territory”, finalizzato alla trasformazione in senso digitale del nostro territorio e che possa garantire concretamente un livello omogeneo di fruizione dei servizi innovativi tra città e valli, che non può prescindere da un’adesione generalizzata da parte delle nostre Amministrazioni locali.

Di questo abbiamo parlato lo scorso 19 aprile, di fronte ad una platea di 100 amministratori locali che hanno assistito alle relazioni del Presidente della Provincia, Ugo Rossi, dell’Assessore agli Enti Locali, Carlo Daldoss, del Presidente del Consorzio Comuni Trentini, Paride Gianmoena, oltre a quella tecnico-progettuale del Presidente di Informatica Trentina, Sergio Mancuso.

A fronte dell’interesse riscontrato in ordine alle finalità del progetto ed alla varietà di servizi di comunità proposti, confermato anche dalle numerose domande formulate dalla platea anche con riferimento all’adesione al progetto, intendiamo avviare un percorso partecipato per la realizzazione di un’ iniziativa che, riteniamo, può davvero rappresentare una buona pratica per la gestione “di un bene collettivo” che consolida una “rete comune” che collega l’intera PA locale, accorcia le distanze e migliora la qualità della vita dei nostri cittadini.

Di seguito:

Immagini

Lunedì, 07 Maggio 2018