Stenico battezza Freedom l'area pic-nic senza barriere

Stenico battezza Freedom l’area pic-nic senza barriere

28 giugno 2011 STENICO.

L’eliminazione delle barriere architettoniche è un obiettivo che non si limita alle città. Conl’inaugurazione del gruppo arredo alle sorgenti del rio Bianco, in area parco, ieri Stenico ha lanciatoil progetto della montagna accessibile a tutti.Il gruppo arredo (l’hanno battezzato “Freedom”) comprende un tavolo e delle panchine per pic-nic e un’altrapanchina per il riposo e sarà completato da una fontana a cui potranno bere anche i visitatori in carrozzina.L’idea di realizzarlo era venuta in mente ai responsabili della cooperativa sociale trentina Il Gabbiano.“Offriamo inserimenti lavorativi a persone svantaggiate - racconta il presidente Sandro Nardelli - e, da tempo,nella nostra falegnameria produciamo elementi di arredo urbano. Quando ci hanno fatto notare che le nostreinstallazioni erano belle, ma non accessibili per i diversamente abili, abbiamo iniziato a ragionare sucomponenti e assemblaggi senza barriere”. Al Gabbiano hanno dato una mano la cooperativa Handicrea epoi la Federazione trentina della Cooperazione e il Consorzio dei Comuni trentini, il cui presidente MarinoSimoni non è mancato al taglio del nastro a Stenico (con lui, anche il sindaco Monica Mattevi e il direttore delparco Adamello Brenta Roberto Zoanetti). «Oltre che una possibilità di aprire le aree ricreative ai disabili eun’offerta in più per il turismo in montagna - aggiunge Nardelli - il gruppo arredo rappresenta un’opzionequalificata nei materiali selezionati». Per questo, al battesimo di Freedom ne potrebbero seguire altri. Ilsogno del Gabbiano è di arrivare con un gruppo arredo in tutti i 217 Comuni trentini, per disegnare unamontagna con spettacolari dislivelli e senza barriere. 

Testata
Trentino
Autore
f.d.d.
Pagina
1
Pagina ove continua
0

Martedì, 28 Giugno 2011 - Ultima modifica: Venerdì, 10 Luglio 2015

Questionario di valutazione