28 febbraio 2014 Innovazione: conoscere i sintomi del cambiamento

Puntare sullo sviluppo di nuove soluzioni è diventato l'importante obiettivo di un'economia in continua crescita nonostante la crisi. Il percorso risulta segnato; sta a noi saperlo interpretare e sfruttare al meglio, facendo dell’innovazione e dello sviluppo tecnologico gli elementi capaci di garantire progresso e benessere al nostro territorio.

Venerdì 28 febbraio il Fierecongressi di Riva del Garda ha ospitato il primo degli incontri territoriali organizzati dal Consorzio dei Comuni Trentini con Trento RISE, per stimolare l’innovazione sociale, capace di trasformare il Trentino in un ecosistema competitivo a livello globale e attento alla qualità della vita dei cittadini. Con il convegno nella Comunità dell’Alto Garda e Ledro esordisce il percorso pensato proprio per i cittadini e gli imprenditori: per diffondere la conoscenza e la cultura dell’innovazione sociale e per stimolare un impegno condiviso nei progetti pilota promossi dalle istituzioni.

Salvador Valandro, presidente della Comunità Alto Garda e Ledro, ha introdotto l’argomento: «Ritengo che una terra come il Trentino possa trarre interessantissime opportunità di sviluppo rispetto ai temi dell'innovazione. Il nostro territorio può diventare incubatore di idee e mettere a disposizione la propria attiva esperienza nel far crescere progetti nuovi capaci di creare occupazione e generare economia. Non sono sicuro che il futuro della nostra terra passi più per la grande industria: purtroppo per noi, abbiamo esaurito l'attrattività e i soldi che ce la garantivano. Occorre pensare a nuovi modelli, incentrati per lo più su piccole esperienze, ma dall'alto tasso di innovazione ed interesse. I campi di indagine sono molteplici: dal sociale alla cultura, dall'ambiente al turismo passando, perché no, dall'agricoltura».

«Cominciare un percorso concreto che metta a contatto ricerca e innovazione, territorio e aziende, è solo parte di quanto il Consorzio dei Comuni Trentini e Trento RISE possono e intendono sviluppare per garantire un accesso diffuso alla filiera dell’Innovazione – ha detto Walter Merler, responsabile dell’Area Innovazione del Consorzio dei Comuni Trentini – In Trentino bisogna partire dalle esigenze raccolte dai Comuni, che devono stimolare l’innovazione di Trento RISE per dare lavoro alle imprese».

«Questo evento va nella direzione di portare l'innovazione nel territorio, in modo concreto e tangibile per i cittadini – ha ribadito Fausto Giunchiglia, presidente di Trento RISE – L’elemento-chiave è la sinergia tra tutte le componenti dell'ecosistema trentino dell'innovazione, per consentire quell'osmosi di idee indispensabile a individuare e produrre soluzioni innovative per i problemi e le sfide che il Trentino deve affrontare».

Sono intervenuti: Ivan Pilati strategy manager di Trento RISE, Vittorino Filippas responsabile del progetto CLab di Trento RISE, Antonia Zamboni preside del Liceo Maffei, Luca Cattoi CEO di Graffiti 2000 S.r.l. e Francesca Gleria del progetto Open Data Trentino della Provincia Autonoma di Trento.

Venerdì, 28 Febbraio 2014 - Ultima modifica: Mercoledì, 22 Luglio 2015

Questionario di valutazione