13388 Vari regolamenti Comunali Roberto Cicolini

  • Chiusa

In caso di fusione penso sia automatico l’unificazione, in uno unico, dei vari regolamenti esistenti negli attuali Comuni (vedi P.R.G., regolamento edilizio, regolamenti vari dei tributi, ecc.); in caso di gestione associata c’è qualche obbligo, ai Comuni coinvolti, di unificare i regolamenti o si procede ad applicare quelli esistenti facendo lavorare i funzionari in un caos normativo?
Gli addetti ai lavori dovranno applicare di volta in volta il regolamento del Comune di provenienza del cittadino, con le varie conseguenze (lentezza nella risposta, mancanza di professionalità, ecc.), rispetto ad avere un’unica normativa da applicare?

  • Pubblicata il 27/04/2016 18:40
  • Ultima modifica del 27/04/2016 22:12
  • 1 commenti
  • 0 risposte ufficiali

Commenti

Alessandro Ceschi
27/04/2016 22:11

La situazione che si viene a creare in caso di fusione piuttosto che di gestione associata, sotto il profilo pianificatori e regolamentare, risulta diversa.
FUSIONE
Come correttamente indicato nel quesito posto, la fusione porta alla creazione di un unico ente: conseguentemente devono essere unificati tutti gli strumenti di programmazione (tipo PRG) e regolamentari degli ex Comuni. Ciò non avviene ovviamente da un giorno all'altro, si tratta di un lavoro che dovrà essere condotto su arco temporale di breve-medio periodo. Proprio per garantire questa fase di transizione le leggi di fusione prevedono che: "1. Fino all'esecutività degli atti e dei provvedimenti del nuovo ente continuano ad applicarsi gli atti e i provvedimenti dei singoli Comuni negli ambiti territoriali dei Comuni di origine." La prospettiva quindi risulta chiara: un unico PRG, un unico regolamento edilizio, modulistica omogenea, regolamenti unici in tutti i settori.
GESTIONI ASSOCIATE: i Comuni attuali rimangono e con essi quindi la facoltà di approvare distinti regolamenti e strumenti di pianificazione. La delibera della giunta provinciale di determinazione degli ambiti delle gestioni associate (9.11.2015), all'allegato 2, proprio per portare comunque ad una progressiva omogeneizzazione di regolamenti e modulistica anche in questa situazione prevede:
" 3.3 Convergenza regolamenti e procedure amministrative
La convenzione deve prevedere l’impegno alla convergenza delle norme regolamentari, delle procedure amministrative, applicative ed interpretative e della modulistica in uso nelle materie di competenza del servizio svolto in forma associata.
L’individuazione di “regole omogenee” di comportamento degli enti partecipanti rappresenta presupposto e garanzia del buon funzionamento della gestione associata e dell’effettiva possibilità per la struttura amministrativa di esercitare le attività previste dalla convenzione".
In sintesi quindi: la fusione GARANTISCE il raggiungimento di omogeneità regolamentare, programmatoria ed operativa sul territorio dei comuni interessati dalla fusione; la gestione associata PERSEGUE, seppur con strumenti meno certi ed efficaci, il medesimo obiettivo.

Per partecipare devi iscriverti!